Principi del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Il C.C.d.R. aiuta gli allievi delle scuole a percepirsi come cittadini/e appartenenti a un territorio e ad una comunità in cui detengono dei diritti e sono soggetti a dei doveri; in cui possono assumere degli impegni ed elaborare insieme dei progetti volti al miglioramento delle comuni condizioni di vita. Il C.C.d.R. quindi sviluppa il senso di:

Poiché qualsiasi intervento sul territorio ha bisogno, per realizzarsi, della cooperazione con gli amministratori, gli allievi imparano, tramite il C.C.d.R., a:

Si costruiscono con ATTEGGIAMENTI POSITIVI RISPETTO ALLA POLITICA intesa come ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ verso di sé, gli altri, il mondo e come RICERCA DI SOLUZIONI CONDIVISE a problemi comuni attraverso la negoziazione e la scelta.

Tutto ciÒ permette ai bambini/e, ragazzi/e, di percepirsi, all’interno del loro territorio, non solo come minori, destinatari passivi di beni e di servizi, ma come SOGGETTI chiamati ad assumere un ruolo attivo di COSTRUTTORI DI PROGETTI attraverso la: PROGETTAZIONE PARTECIPATA superando il livello della DELEGA AD ALTRI, della PROTESTA STERILE, del RIFUGIO NEL SOGNO. Il C.C.d.R. è PALESTRA DI DEMOCRAZIA perché permette di sperimentare direttamente alcuni problemi legati a:

Il C.C.d.R. sviluppando il senso di appartenenza al territorio e la consapevolezza dei propri diritti induce a riflettere su situazioni in cui, nel più vasto territorio del mondo, cui pure apparteniamo (identità planetaria), i diritti vengono negati e bambini/e, ragazzi/e, subiscono soprusi; ne consegue la necessità di assumere il DOVERE DELLA SOLIDARIETA'.

Il C.C.d.R. e le scuole

Il C.C.d.R., eletto da tutte le scuole del territorio, si pone come trait d’union tra l’Amministrazione Comunale con cui la collaborazione è indispensabile per sostenere l’organizzazione e realizzare i progetti, e le scuole di Martellago, luoghi in cui si incontrano e si confrontano tutti i cittadini più giovani.

Dalle scuole possono arrivare al C.C.d.R. suggerimenti e stimoli per progetti da realizzare e temi da affrontare, agli alunni e alle alunne delle scuole sono destinati i progetti che vengono elaborati, che hanno bisogno del sostegno e della collaborazione di tutti.

I contributi delle scuole

I contributi che arrivano dalle scuole sono più facilmente utilizzabili e rispondono meglio allo spirito del C.C.d.R. quando:

L’organizzazione all’interno delle scuole

Il collegamento costante tra il C.C.d.R. e le scuole (candidature ed elezioni, contributi delle scuole per sostenere il lavoro del C.C.d.R., informazione da parte dei consiglieri sulle attività, organizzazione e gestione di incontri di scuola dei consiglieri in orario scolastico, aggiornamento della bacheca e del quaderno dei verbali dei lavori del C.C.d.R., partecipazione ad iniziative ecc.) rende sempre più necessario trovare forme organizzative che permettano di rispondere a tali esigenze. Concretamente si tratta di prevedere tempi in cui sia possibile, per gli allievi:

La gestione di questa parte del lavoro di una scuola richiede certamente uno sforzo organizzativo (stante la periodicità e la durata degli incontri, l’organizzazione per singole classi o per gruppi di classi, il ruolo dell’adulto che affianca i consiglieri nella gestione degli incontri, l’organizzazione più efficace perché il gruppo possa chiudere il confronto con delle proposte concrete ecc.); costituisce però una risorsa preziosa per l’educazione alla cittadinanza, alla responsabilità, al senso civico, alla competenza argomentativa, all’ascolto reciproco.

Le Elezioni

È necessario un periodo di sensibilizzazione nelle classi, così da consentire tale radicamento e tale compartecipazione.

Sono quindi necessari:

Possono essere necessari incontri con l’assessore alla P.I., con il sindaco, con l’assessore all’ambiente, al traffico e alla viabilità, all’urbanistica, all’edilizia, al commercio; i bambini dovrebbero poter visionare un piano regolatore, capire cos’è e quali scelte ne sono alla base, avere copia del bilancio comunale (semplificata) per capire scelte ed investimenti. Ogni classe, in fase di progettazione con gli insegnanti referenti del progetto, sceglierà alcune attività che verranno poi socializzate alle altre classi.
È importante che l’intero team o consiglio di classe conosca e condivida le scelte, in quanto il progetto coinvolge trasversalmente le diverse aree disciplinari, quindi la sua gestione non è delegabile ad un unico insegnante.
Le tematiche relative alla sensibilizzazione sono attività da svolgersi nelle classi in itinere, durante la fase elettorale e successivamente, così da sostenere e motivare i lavori del Consiglio dei ragazzi.
Dopo un periodo di sollecitazioni, dunque, chi, tra gli allievi, si sente di poter assumere un ruolo di rappresentanza, prepara la sua campagna elettorale, formulando i suoi progetti e proponendoli ai suoi compagni di classe, sotto forma di candidatura su cartelloni o dépliant da affiggere su quello che diverrà poi stabilmente lo spazio del consiglio.
In ogni classe potranno emergere al massimo 4 candidati. In caso di più candidati si rende necessaria una fase di votazioni primarie per individuare i quattro eleggibili da votare sull’apposita scheda.
Le votazioni per tutte le classi e le scuole interessate si svolgono in un’unica data con la predisposizione di un seggio in ciascun plesso, ove a turno si recheranno le classi per votare, alla presenza di un presidente, un segretario e due scrutatori designati per plesso o classe.
Al termine delle votazioni verrà eletto un rappresentante per ogni classe, con la clausola che a parità di voti all’interno di una classe viene scelto il candidato di sesso femminile.
Gli eletti andranno a comporre il consiglio dei ragazzi e delle ragazze.
Nella seduta di insediamento, che avverrà tramite invito personale ad ogni consigliere, in aula consiliare, alla presenza del Consiglio Comunale adulto, dei genitori degli eletti, di insegnanti che riterranno opportuno partecipare, dopo una breve presentazione da parte di ciascun consigliere con l’indicazione dei problemi che ha individuato, viene data la consegna di preparare le candidature per l’elezione del presidente e del vice-presidente, che si effettuerà nella seduta successiva dopo la presentazione verbale delle candidature stesse. Successivamente il Consiglio si suddividerà in commissioni o gruppi di ricerca e progettazione che si costituiranno su scelta spontanea dei consiglieri, ma tenendo presente l’esigenza di una rappresentatività di ciascun plesso nelle diverse commissioni. (Per esempio, nell’anno scolastico 2008/2009 le commissioni sono state: Commissione n. 1: sicurezza delle strade del mio paese e cura del bene pubblico; Commissione n. 2: spazi di incontro nel mio paese; Commissione n. 3: abitiamo il mondo: solidarietà).

 

ANNO SCOLASTICO 2009/2010

Prima fase

  1. PREPARAZIONE PER IL SEMINARIO REGIONALE
    Quest’anno scolastico i lavori del CCdR inizieranno con la prosecuzione dell’esperienza in collaborazione con l’Ufficio del Pubblico Tutore dei Minori, il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Padova e il gruppo di coordinamento dei referenti dei Consiglio Comunali dei Ragazzi nel Veneto. L’obiettivo dell’esperienza è di organizzare nelle prime settimane di dicembre 2009 un Seminario Regionale che si propone di dare visibilità alle esperienze di partecipazione dei ragazzi nel Veneto ai C.C.d.R., dando ai rappresentanti dei ragazzi l’opportunità di raccontare agli adulti (in una modalità spontanea e “a misura di bambino/ragazzo”) quanto realizzato in questi ultimi anni di attività (si veda l’allegato Consegne per la preparazione del Seminario Regionale CCdR nel Veneto).
    Siccome il Seminario è previsto per metà dicembre, in questa prima fase di lavoro verranno coinvolti i componenti del Consiglio Comunale dei Ragazzi dell’anno scorso.
    Le date previste per le riunioni del C.C.d.R. di preparazione per il suddetto Seminario sono:

    • Venerdì 6 novembre 17:00-19:00 (aula magna Ist. Comp. C. Goldoni Martellago);
    • Venerdì 27 novembre 17:00-19:00 (aula magna Ist. Comp. C. Goldoni Martellago).
  2. ELEZIONI

    • Martedì 3 novembre 2009, alle ore 17:30, presso la sede dell’Ist. Comp. C. Goldoni Martellago, per gli insegnanti delle classi IV scuola primaria e i referenti per la scuola secondaria di I° (Ist. Comp. Martellago e Ist. Comp. Maerne), si è previsto un incontro, nel quale verranno concordate le iniziative di sensibilizzazione da attuare nelle classi in vista delle elezioni. Nel merito verranno spiegate:
      • l’attività di simulazione, svolte negli anni precedenti nelle classi quarte;
      • l’attività pensata per le classi prime della scuola secondaria di I° (Depliant di presentazione/divulgazione degli spazi per i ragazzi - di ritrovo, di studio, di svago, di sport, di gioco ecc. - nel Comune di Martellago).
      Queste attività verranno condotte dagli insegnanti delle rispettive classi.
    • Nelle classi seguiranno poi delle attività di discussione-informazione sugli scopi/funzioni dell’Amministrazione Comunale, sulla struttura ed organizzazione, sulle figure istituzionali (Sindaco, Consigliere, Assessore, Segretario, ma anche personale amministrativo, operai ecc.), sull’estensione del territorio, delle frazioni ecc. Queste attività servono per preparare gli allievi agli incontri (con la formulazione di domande di conoscenza, chiarimento, approfondimento) che avranno con i rappresentanti del Comune.
    • Gli incontri delle classi IV della scuola primaria e delle classi prime della scuola sec. di I° con i rappresentanti Istituzionali del Comune sono previsti dalla seconda metà di novembre (nell’incontro del 3 novembre si potrebbero individuare delle date da proporre ai rappresentanti del Comune); in linea generale:
      • Per le classi IV scuola primaria Ist. Comp. Goldoni Martellago: visite (una per le classi IV A/B e una per le classi IV C/D) presso la sede del Comune (Aula Consigliare);
      • Per le classi I scuola secondaria di I° Ist. Comp. Goldoni Martellago: incontro in aula magna della scuola con rappresentanti del Comune (probabilmente l’Assessore all’Istruzione).
    • Durante il periodo di preparazione per le elezioni (nel mese di novembre, appena dopo le attività di conoscenza e sensibilizzazione) gli allievi di ogni classe IV e I secondaria di I° si proporranno (ovviamente chi vorrà) come candidati consiglieri attraverso la preparazione di propri progetti (“Campagna elettorale”). In seguito gli allievi sceglieranno i 4 candidati consiglieri da presentare per le elezioni (per le votazioni primarie, se necessarie, si veda l’art. 3). Prima delle elezioni è necessario aver comunicato ai genitori l’iniziativa e chiesta l’autorizzazione (si veda allegato: Presentazione CCdR ai genitori).
    • Le elezioni sono previste per il giorno Venerdì 4 dicembre 2009, ed avranno luogo nelle modalità consuete.
    • Il Nuovo Consiglio Comunale dei Ragazzi si prevede che verrà insediato venerdì 18 dicembre 2009 presso l’Aula Consigliare del Comune, con la presenza del Sindaco, Consiglieri e Assessori.

 

- HomePage